La pizza.

Sempre all’insegna del poco tempo a disposizione, devo confessare che spesso, almeno una volta a settimana, preparo la pizza così detta in scatola, di sicuro un obbrobrio il paragone con quella artigianale nel forno a legna, ma … questa è e non può essere altra.

La pizza Catarì.
La pizza Catarì.

Al supermercato ci sono anche altre due marche, la Star ed un’altra che non ricordo, quest’ultima ha solo l’impasto senza pomodoro e la trovo di minor qualità rispetto alle altre, per entrambe preferisco la versione “Soffice” perché istantanea, in 20 minuti si ha la pizza sul piatto, mentre quella croccante deve stare ferma a lievitare (per modo di dire!) per almeno 15 minuti.

La Star ha la particolarità di avere il dosatore per l’acqua meno preciso, è lo stesso sacchetto di plastica della farina ad essere graduato, mentre la Catarì ha il suo misurino di carta più rigido e preciso e questo evita i fastidiosi aggiustamenti con la farina.

Oltre alla scatola della pizza, serviranno:

  • olio extravergine d’oliva
  • 500 gr. di mozzarella per pizza (così non produce troppa acqua)
  • acciughe, olive, carciofini, ecc.

Mentre preparo l’impasto accendo il forno a 200°, deve essere molto caldo e verso il tutto nella macchina del pane, ovviamente utilizzando la funzione di solo impasto.

Unica aggiunta nell’impasto al contenuto della scatola sono 6 cucchiai d’olio extravergine d’oliva.

Mentre attendo 15 minuti che l’impastatrice finisca il suo lavoro, verso il pomodoro in un piatto fondo, gli metto un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva e l’origano, ne aggiungo un pò dal mio vasetto e ci metto anche un pizzico di peperoncino tritato, con un pizzico di sale e poi con una forchetta, schiaccio il pomodoro e giro il tutto.

Una volta che la pasta per la pizza è pronta, la stendo con un mattarello su un foglio di carta da forno, ungo una teglia, meglio se antiaderente e stendo la pasta, bene sui bordi.

Aggiungo il pomodoro e lo stendo sulla superficie fino ai bordi.

Quando il forno è in temperatura, inforno la teglia per 7 minuti, nel frattempo taglio finemente la mozzarella, se ho del formaggio avanzato nel frigorifero, questo è un buon momento per aggiungerlo, preparo anche l’acciuga sottolio tagliata a pezzetti.

Passato i primi 7 minuti, estraggo la teglia e velocemente aggiungo, l’acciuga , qualsiasi altro ingrediente che mi venga in mente (carciofini, olive, wurstel, ecc.), la mozzarella la lascio per ultima ed inforno per altri 7 minuti.

Bye  Maurizio

Annunci

2 Responses to “La pizza.”


  1. 1 Luisa Valenti lunedì, 12 marzo 2012 alle 0:50

    A casa mia il preparato preferito è quello Barilla…ma non abbiam mai provato il Catarì…lo Star sì e ci è sembrato più “gnoccoso”.
    Le tue spiegazioni son sempre chiarissime.
    Noi abbiamo ideato una tecnica per aver la pizza croccante anche se il preparato è per pizza soffice: stendere la pasta di una confezione sull’ intera teglia quadrata del forno. Con un po’ di magheggi nella preparazione (un cucchiaio d’olio in più, l’acqua fino all’orlo del dosatore..), la pasta si stende oltre ogni limite e poi si cuoce per il tempo massimo suggerito dalla ricetta.
    Per renderla più alta e soffice più acqua…e se la pasta appiccica niente paura…si stende direttamente con la forchetta.

  2. 2 Maurito54 lunedì, 12 marzo 2012 alle 1:06

    Grazie Luisa per i suggerimenti interessanti, aggiungo … pensa che la mia riesco a farla anche con il forno a microonde con il piatto crisp.

    Bye Maurizio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




Archivio delle ricette.

Statistica del Blog.

  • 68,302 visite dal 15/12/2008

Disclaimer

ATTENZIONE !!!
Tutto quello che ho scritto sono solo mie esperienze personali, pertanto non rispondo di danni a cose e/o persone, verso chiunque voglia ripetere qualsiasi cosa che ha letto in questo Blog.

Il Circolo dei Giuristi Telematici

Le ricette presenti sul Blog sono di proprietà dell'Autore, pertanto possono essere citate, utilizzate o linkate gratuitamente, previa informazione al proprietario.

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilità sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualità o correttezza dei dati, sui commenti lasciati da altri. Egli si riserva la facoltà di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume. L'Autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per i siti e blog segnalati dai visitatori e per i loro contenuti. Ciascun commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale, di cui l'Autore non ne è responsabile. Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: